giovedì 12 luglio 2012

passa tempo

l’acquedotto romano è li,
i cavalli giocano a rugby con i fantini.
le coppie fanno l’amore nell’erba oggi come 2000 anni fa,
ed io sono solo di passaggio.

9 commenti:

  1. Siamo tutti, di passaggio.

    RispondiElimina
  2. C'è chi osserva il tempo scorrere immutato... e chi non accetta che tutto si trasformi pur restando uguale...

    RispondiElimina
  3. vero, mi fa pensare al gattopardo. mi trasformo tutti i giorni, perdo cellule, capelli bianchi e prime rughe eppur dentro sono un ragazzinopisciasotto. quando arriverà la saggezza?

    RispondiElimina
  4. La saggezza è capire che anche se si perdono i capelli e si intravedono le rughe dentro si può essere bimbi... è quando ci si arrende a quello che mostra lo specchio che si resta dei lattanti...

    RispondiElimina
  5. è il destino di una generazione, restare ragazzinipisciasotto, mentre l'esterno cambia. mi raccontava ieri sera un'amica del concerto di patty smith. anche lei sembra condannata..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io voglio essere come dorian gray bramo quel quadro.

      Elimina
  6. Se guardi bene
    su quell'acquedotto
    una mano sconosciuta
    sta scrivendo
    il tuo nome.
    Tra altri duemila anni
    altre coppie
    nude sull'erba
    leggendo,
    ricorderanno.
    Le tue opere
    sono
    quel quadro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le mie opere sono merda secca. scrivere mi fa sentire migliore, diverso da tutti, ma a volte penso che sia tutta merda. però continuo anche grazie a questi commenti.

      Elimina